Cos’è il Web3? È davvero decentralizzato e senza una proprietà univoca? Scopriamolo

Web3: cos’è e come siamo arrivati qui

La cosiddetta centralizzazione del web ha unito una moltitudine di utenti all’interno della rete internet e ha creato l’infrastruttura stabile e robusta su cui vive. Allo stesso tempo, una manciata di entità centralizzate hanno costruito una roccaforte su ampie porzioni del mondo internet, con la capacità e la forza di poter decidere unilateralmente cosa dovrebbe o non dovrebbe essere permesso. Il Web3 è la risposta a questa particolare situazione creatasi. Al posto di una rete monopolizzata dalle grandi compagnie tecnologiche, il Web3 abbraccia la decentralizzazione ed è costruito, gestito e posseduto dai suoi utenti. Il Web3 mette il potere nelle mani degli individui piuttosto che delle corporazioni.

Qui un articolo introduttivo al Web3 e le sue differenze con gli “antenati” Web1 e Web2.

Il grande dibattito

Il termine Web3 ha preso d’assalto il mondo della tecnologia. È usato per descrivere la prossima iterazione del mondo internet: i sostenitori del Web3 sostengono che i protocolli decentralizzati e i token saranno i principali protagonisti di un nuovo sistema. Ci sono migliaia di imprenditori e investitori che scommettono tempo, denaro ed energia su questa nuova iterazione e possibile futuro della tecnologia. Altri credono che l’intero sistema Web3 sia insostenibile e semplicemente un modo per arricchirne i sostenitori e investitori.

Crypto airdrop

È interessante chiedersi: chi possiede il Web3? Osserviamo la ripartizione della fornitura di Solana, recente progetto, per esempio:

allocazione equity per la coin Solana

Il team normalmente detiene tra il 20-30% della fornitura di token, gli investitori privati sono da qualche parte tra il 15-50%, che dipende da quanto del token è stato venduto prima del lancio. E il resto della fornitura di token è usato per varie attività, tra cui rewards, airdrops, yield farming, fondi dell’ecosistema e molti altri.

Il 16 settembre 2020 Uniswap ha coniato il token UNI e ha distribuito il 60% della fornitura alla comunità (tramite una combinazione di airdrop retroattivo e treasury della comunità). Per dare un’idea, l’airdrop retroattivo ha incluso oltre 250.000 indirizzi unici su Ethereum.

allocazione equity per il token Uniswap

Coinbase

Il Web3 ha spostato la finestra di Overton della distribuzione del capitale così bene che ha avuto un impatto sui mercati azionari tradizionali.
Quando Coinbase ha avuto la sua quotazione diretta di COIN nei mercati pubblici, ha distribuito 100 azioni a ciascuno dei suoi 1.700 dipendenti. Con l’apertura di COIN a 250 dollari per azione, ogni dipendente Coinbase ha ricevuto un “premio” di 25.000 dollari.
Quando è stata l’ultima volta che un’azienda tradizionale ha regalato ai suoi dipendenti azioni? Questa è la cultura che viene esportata dalle crypto nel resto del mondo.

Ecco un’altra visualizzazione di vari progetti:

dati sulle allocazioni di fondi di alcune blockchain pubbliche nel web3

Un recente studio ha concluso che i fondatori delle aziende Web2 detenevano circa il 15% del capitale della loro azienda al momento dell’IPO. Il confronto non è perfetto (non tutta l’allocazione dei token del fondatore/progetto va ai fondatori nello specifico), ma sembra che i fondatori del Web3 siano in grado di trattenere più valore economico per ciò che creano rispetto ai fondatori del Web2.

Team, private investors e community

Ci sono tre gruppi specifici di utenza che possiedono i token in questi ecosistemi: il team, gli investitori privati e la comunità. Nel mondo legacy Web2, solo il team e gli investitori privati finiscono per possedere azioni in una società: il mondo Web3 ha un vantaggio strutturale per  ottenere e portare incentivi economici nelle mani della propria comunità. Le aziende Web2 ci hanno già provato in passato, ma non hanno avuto successo. Airbnb ha cercato di fornire equity agli host sulla loro piattaforma e Uber ha cercato di dare equity ai suoi autisti. Il riconoscimento esplicito che il bene è l’equity ha fatto sì che i regolamenti impedissero a queste aziende di farlo.

Tornando ai proprietari del Web3, il reward del team è semplice. Se sei il fondatore, il primo dipendente, o un collaboratore del progetto, sei compensato per i tuoi sforzi in un modo che è determinato dal team. Questo non è diverso da un progetto equity tradizionale.

Investitori nel Web3?

Il grande dibattito nel mondo Web3 riguarda gli investitori. Ovviamente, più un progetto sostiene di essere decentralizzato, più i critici si lamenteranno che qualsiasi proprietà da parte di grandi investitori (venture capitalist e private equity) sia antitetica a quella missione. È però importante ricordare che i veri investitori non sono le aziende VC stesse.
Per esempio, se Sequoia Capital investe in un’azienda o in un progetto, allora la proprietà è per lo più di non profit e scuole. Ecco un estratto dal sito web di Sequoia:

Sequoia investe principalmente per conto di organizzazioni non-profit e scuole, con organizzazioni come la Ford Foundation e il Boston Children’s Hospital, che formano la maggior parte della nostra base di partner limitati. Lavorare per loro ci dà un maggiore senso di responsabilità e scopo.

La società media di VC prende il 20% di carried interest sui propri investimenti, quindi se una società possiede il 30% dei token di un progetto, i liquidity provider non profit avrebbero il 24% dei token e i venture capitalist circa il 6%. Questo non significa che gli investitori che possiedono grandi quote di token siano un fattore positivo o negativo, ma è importante capire l’economia di chi possiede effettivamente questi token, a differenza di chi li ha acquistati.

Un confronto: venture capitalists e giganti di Wall Street nel Web2

Il punto successivo è che le aziende Web2 sono tutte di proprietà di grandi società di venture capital e di Wall Street. Chris Dixon di A16Z ha twittato i primi 10 possessori di varie azioni di società pubbliche.

tabella con quote dei fondatori di grandi società

Come si può vedere in queste ripartizioni, la maggior parte si colloca in fondi di investimento passivo di Vanguard e dei loro pari. Questi sono di solito posseduti da investitori al dettaglio e/o fondi pensione, ecc. Quindi, sorprendentemente, i liquidity provider del fondo VC sono non-profit, fondazioni, fondi pensione e altro. Questi stessi investitori sono anche i proprietari delle aziende Web2 attraverso questi veicoli di investimento passivo. La differenza potrebbe risiedere nel fatto che Wall Street o Silicon Valley si facciano pagare commissioni per il privilegio di allocare il denaro.

Nessun funding per un progetto crypto?

La comunità bitcoin si basa sul fatto che non sia necessario alcun investimento da parte di un venture capitalist per lanciare la rete. Questo è uno degli argomenti più forti che viene presentato dalla comunità. Ma l’inizio della rete non riflette necessariamente lo stato attuale della rete. Ci sono miliardi di dollari nelle mani di Wall Street e Silicon Valley.
Prendiamo il Grayscale Bitcoin Trust come primo esempio. Attualmente viene detenuto più del 3,4% della fornitura di bitcoin in circolazione. Un solo prodotto d’investimento, che è anche il più grande prodotto d’investimento in bitcoin del mondo, detiene una percentuale materiale di tutti i bitcoin in circolazione. Da menzionare anche il fatto (si suppone) che Satoshi Nakamoto detenga circa 1 milione di bitcoin, il che lo renderebbe il più grande possessore di bitcoin al mondo.

Ora diamo un’occhiata alle aziende pubbliche che detengono bitcoin. MicroStrategy detiene oltre 124.000 bitcoin nel suo bilancio (sempre in notevole aumento), Tesla detiene più di 43.000 bitcoin, Square possiede 8.000 bitcoin, e le varie società di mining possiedono alcune migliaia di bitcoin messe insieme. Questo significa che le aziende quotate in borsa in tutto il mondo detengono circa l’1% di tutti i bitcoin che saranno mai in circolazione.

Questa analisi non tiene conto anche del fatto che una grande porzione di criptovalute sono effettivamente detenute come IOU in custodia centralizzata o negli scambi. Per esempio, si dice che Coinbase abbia più di 90 miliardi di dollari di beni in custodia e che ad un certo punto detenga l’11% di tutte le criptovalute sul mercato. Numeri strabilianti.

Conclusioni

Chi possiede il Web3? Le stesse persone che possiedono le società Web2 e le stesse persone che possiedono Bitcoin. Bitcoin sembra avere caratteristiche di proprietà decentralizzata più di tutti, ma Web2 e Web3 non sono così lontani come la narrativa faccia credere. In definitiva, la proprietà di un asset è basata sulla capacità di convertire altri asset, che siano valute fiat o meno, nell’asset desiderato. Essenzialmente, persone e organizzazioni facoltose hanno le risorse finanziarie per acquisire quote significative di un bene.

Non dovremmo confrontare le percentuali di proprietà degli asset oggi come un’istantanea nel tempo. Dovremmo invece guardare come la tendenza si stia evolvendo. Le aziende legacy Web2 stanno diventando sempre più concentrate nella proprietà. Bitcoin ha dimostrato di essere più decentralizzato nella proprietà nel tempo. I token del Web3 e il Web3 stesso sono ancora nelle prime fasi di vita. Diventeranno più centralizzati o più decentralizzati nel tempo? Nessuno lo sa ancora.

A oggi il Web3 è fondamentalmente libero e nelle mani dei singoli utenti, sebbene gran parte dei progetti sia stata inizialmente finanziata da venture capitalist, grandi corporate e società di investimento. Auspichiamo nel futuro una maggiore decentralizzazione, dove ovviamente vigerà sempre la regola del profitto, convivendo però con una più spiccata tendenza verso privacy e autonomia degli utenti.


Ispirato da Anthony Pompliano e David Hoffman

Scarica l’ebook “The Digital Transformation Workbook”

Iscriviti alla newsletter e scarica l’ebook.
Ricevi aggiornamenti e news sulla tecnologia e la strategia che permettono alle aziende di sfruttare al massimo la trasformazione digitale.